Loading...

FINDING YOUR FEET

20/12/2022

L’oscurità che si fa preambolo di luce

 

   “Finding your feet” è il titolo di un bel film diretto dal regista britannico Richard Loncraine¹, in cui vediamo la protagonista, Sandra, lanciarsi dalla riva in un salto piuttosto azzardato per raggiungere… beh, forse non dovrei svelarvi la fine. Posso dirvi che sarà un salto che le farà cambiare vita. Un’occasione. Una scelta molto importante.

Non posso che pensare a quella scena, mentre inizio a scrivere questo articolo.

Come ci arriviamo, a questo fine 2022? E come iniziamo il 2023?

Il countdown è cominciato già da un po’ e per me prevede anche il passaggio di una data che, per quanto io possa cercare di ignorare, è fissa da quando sono nata: il mio compleanno. Una concentrazione di ricorrenze, tutte lì, tutte addossate.

La vita sembra scorrere come sempre e invece ci sono “le tappe”. Il calendario non ce le risparmia.

   E parliamone, allora, di questa tappa.

È stato per me un anno apparentemente statico, ma in realtà molto intenso. A pensarci ora, che anno! Un’altalena di emozioni e sfide che non mi ha lasciato riposo alcuno. Arrivo quindi piuttosto provata a questa fine del 2022, ma già in moto e operosa per le novità che si apprestano a succedere nella mia vita. O meglio, che stanno già succedendo! A volte, veramente, uno non sa da dove gli arrivi la forza.

In questi ultimi mesi sono consapevolmente, lucidamente sparita da quasi tutti i miei profili social. (Una menzione doverosa, in questo scritto. Per quanto mi sembri, ora, una questione di minore importanza.)

Gli “anni del Covid” mi hanno profondamente segnata. I social sono cambiati. E anche le persone sono cambiate.

A un certo punto la presenza “virtuale” diventa quasi dovuta, e si rivela ben più importante e considerata di quella reale.

Visto da qui tutto sembra lontano
convulso e insensato agitato per niente
come fosse distratto o indifferente
a ciò che é importante

canta Niccolò Fabi nel suo pezzo “Fuori o dentro”,

Visto da qui è solo una piccola parte
che è davvero convinta di essere tutto
che non sente più urgenza ma solo la fretta
e l’affanno è un respiro che non si rispetta

A volte un’isola è la cura del tempo
a volte un’isola è solo isolamento
è come cadere al buio
scegliere

Come dici bene, Niccolò.

   E se fosse proprio il buio, la condizione essenziale per ricominciare? Il buio con il suo ignoto e il suo caos.

Nel buio si fa spazio per ascoltare. Il buio è lo sfondo cosmico per una nascita, e per una rinascita, mi suggerisce Michael Meade². Se vogliamo trovare la giusta direzione per guarire, forse bisogna proprio affrontare l’oscurità.

La nostra “cristallizzazione” sui social media e il continuo, obbligato rimando al passato a cui questi ci costringono non sono di aiuto quando la necessità è quella di trovare il sentiero e aprire nuove porte. Così è per me, almeno, in questo momento.

   Preservare un’identità artistica che non scada nel cliché equivale a filtrare con pazienza e allenamento visivo tutto ciò che non nutre la nostra immaginazione, concentrandosi invece su quello che stimola e arricchisce la creatività. I bravi artisti e le buone foto ancora ci sono su Instagram, ma i reels, i meme, e l’emulazione nelle forme più svariate prendono sempre di più il sopravvento.

“[…] l’arte potrebbe differenziarsi dalle immagini mediatiche grazie alla possibilità del vuoto. I media sarebbero condannati al pieno, all’eccesso, all’offerta migliore, al rigonfiamento: colpiti dai mali della rapidità necessaria, dello spettacolo e della concorrenza. Mentre l’arte, o piuttosto alcuni settori dell’arte, potrebbero assumersi ancora il rischio del vuoto, dell’ascetismo e della presa di distanza dai flussi e dalle tribolazioni del momento.” 

Le parole sono di André Rouillé, storico e teorico della fotografia, e fanno riflettere³.

   Per riprendere quindi la domanda che avevo proposto all’inizio del mio articolo, vi racconto come ci arrivo io, al termine di quest’anno.

Ci arrivo lasciando spazio per un vuoto. Spazio che mi piace immaginare ricco di possibilità. Adombrata da una sorta di eclissi che non sento essere negazione, né fuga. Un’attesa notturna, rotante, che si prepara ad essere luce e presenza viva.


Chissà com’è invece per voi, questo passaggio. Io voglio augurarvi un buon anno, un anno di salti (come quello di Sandra, del film), un anno di sentieri e porte, di fasci di luce e mani tese.

 

Ci riascoltiamo nel 2023,

Raffaela 🎔

Legenda:

¹ Finding your feet è un’espressione inglese che indica il processo che porta a trovarsi a proprio agio, sicuri di sé, in una situazione nuova.
² Michael Meade è un autore, mitologo, narratore americano.
³ Fonte: “L’eclissi del volto” di Itzhak Goldberg.

© Raffaela Bicego 2022 – Tutti i diritti riservati.

CONTATTI:

+39-346-3897088

info@raffaelabicego.com

Raffaela
THE HIEROPHANT CARD
Partenze che non ritornano.
THANK YOU, HEDY
E mi lascio volentieri ispirare.
SUR-FACE
La superficie che non è superficiale: immagini e riflessioni su qualcosa che ci "tocca" da molto vicino.

    2 Comments

  • Reply

    Muy bonito artículo Raffaela, es increible como momento difíciles pueden llevarnos a la “salvación” y a encontrar un nuevo camino, una nueva perspectiva. Diría que a veces es necesario pasar por esos momentos alguna vez en la vida. Gracias por compartir tu experiencia !!! … buscaré la película, jaja, me ha dado curiosidad.

    • Raffaela 28/12/2022
      Reply

      The movie is good Julio, let me know your views on it! (It seems like a simple comedy, but actors are soo good and it’s really beautifully touching.) About my article, yes – hopefully, it’s a journey towards “salvation” as you say! Who knows! Most probably towards a new route – for a start, which is a big challenge as well. I guess I also felt the effect of the winter solstice! All these thoughts and feelings came to me at once through songs, and readings, etc. and they made perfect sense. (Well, to me at least!) I am glad you enjoyed the article. Thanks for your always precious support, and friendship.

  • Leave a comment

error: Content is protected !!