Loading...

EFFIMERA BELLEZZA

14/12/2019

Il fotografo dei “fiori di brina”

 

Immortalare la bellezza prima che si sciolga e non ne rimanga più alcuna traccia.

La storia di Wilson Bentley, che ho scoperto grazie al bellissimo libro Nature Immaginate di Massimiano Bucchi ed Elena Canadelli, mi è entrata nel cuore. Sarà che sento la sua urgenza e ossessione, nell’inseguire questi “miracoli di bellezza”, così vicina al mio modo di vivere la fotografia. Mi rimanda alle parole di Henri Cartier-Bresson:

“[…] la vita è qualcosa di molto fluido; a volte le immagini spariscono e non puoi farci niente. Non puoi dire alla persona che stai fotografando: “Per favore, rifai quel sorriso. Rifai quel gesto.” La vita avviene una volte per tutte, e per sempre, ed è nuova a ogni momento.” ¹

 

cristallo_di_neve

Cristallo di neve

 

Questo fotografo ottocentesco, dagli occhi vispi e il sorriso gentile, ha dedicato l’intera vita a catalogare meraviglie per raccoglierle in un libro, Snow Crystals, che fu pubblicato poco prima della sua morte per polmonite il 23 dicembre 1931.

Per fotografare i “fiori di brina”, Wilson Bentley posava la neve su un vassoio ricoperto di velluto e sistemava i cristalli sul vetrino del microscopio utilizzando un sottile strumento metallico². La sua famiglia, una famiglia contadina del Vermont, pensava che quello che faceva fosse una gran perdita di tempo (come si racconta nell’intervista di questo video). Fu soltanto nel 1920, all’età di 55 anni, che fu eletto socio dell’ American Meteorological Society.

“Al microscopio scoprii che i fiocchi di neve erano miracoli di bellezza. Sembrava un peccato che questa bellezza non potesse essere vista e apprezzata da altri. Ogni cristallo era un capolavoro di design e nessuno era mai ripetuto. Quando un fiocco di neve si scioglieva, quel design era perduto per sempre. Tanta bellezza scomparsa, senza lasciare alcuna traccia dietro di sé.” ³

Una di quelle storie che hanno il sapore di una favola, di persone straordinarie che hanno sempre creduto nel loro sogno con appassionata dedizione, a dispetto dello scetticismo che le attorniava. Grazie, Wilson Bentley. ♥

"The Snowflake Man"

¹ Henri Cartier-Bresson – Vedere è tutto, edizioni Contrasto.

² Fonte: Wikipedia.

³ Wilson Bentley, cit. in Libbrecht, 2007.

FINDING YOUR FEET
Quando cadere al buio diventa fondamentale per ricominciare.
SUR-FACE
La superficie che non è superficiale: immagini e riflessioni su qualcosa che ci "tocca" da molto vicino.
UN MOVIMENTO, E UN SENTIMENTO
Di passo, in passo: con Carlo Carcano a parlare di tango, musica, ricordi e nuovi progetti.

    Leave a comment

error: Content is protected !!